pexels-daniel-kux-932320

Pubblicato dal giornale The Guardian. “Particelle di microplastiche ora rilevabili negli organi umani”

L’acqua minerale in bottiglia offre la sicurezza di poter contare su un’acqua di qualità, molte volte derivante da fonti ad alta quota incontaminate. È inoltre possibile scegliere l’acqua in base a specifici parametri di proprio interesse a seconda delle proprie esigenze (basso contenuto di sodio...

The Guardian, 17.08.2020

Dato che “la persona media consuma oltre 70.000 particelle di microplastiche all’anno!” c’era da aspettarselo dentro di noi! Inoltre, pochi giorni fa è stato pubblicato un nuovo studio secondo cui l’Oceano Atlantico contiene più plastica di quanto si pensasse in precedenza. Sappiamo tutti che questa non può essere una buona notizia, ma oggi non conosciamo ancora le conseguenze della plastica all’interno dei tessuti umani. Solo pochissimi studi hanno esplorato quell’area. Emily Penn @missemilypenn è una delle poche di cui ho letto che si è messa alla prova sui potenziali impatti tossici della plastica. Soprattutto la microplastica i cui minuscoli frammenti contengono sostanze chimiche e sono simili all’ormone sessuale estradiolo e questo può influire sulla fertilità negli animali e nell’uomo. “Più ho imparato sulle sostanze chimiche che stavamo trovando negli oceani, ho iniziato a capire che molti sono interferenti endocrini, imitano gli ormoni e stanno iniziando a entrare nei nostri corpi”, ha detto Emily Penn a BBC News. Questo è molto allarmante soprattutto per le donne! Dovrebbe essere un campanello d’allarme per tutti noi!

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp